Seleziona una pagina

Oggi i dati per #LaMappaDelLunedì arrivano dallo spazio! Ecco la mappa (e i dati aperti) dei crateri da impatto metoritico!

Nell’immaginario comune si associa il cratere di origine meteorica a quelli lunari, visibili anche ad occhio nudo, o a quelli fotografati ed esplorati dalle missioni spaziali sui pianeti rocciosi del sistema solare.

Il nostro pianeta non è immune dalla possibilità di attrarre oggetti di varie dimensioni, come tutti gli altri corpi del sistema solare, ma quello che lo preserva da impatti al suolo è la densità atmosferica, la quale creando attrito sulla superficie degli oggetti in caduta ne provoca l’evaporazione o l’esplosione come con i bolidi.

Comunque state tranquilli, le probabilità di essere centrati e uccisi direttamente da una oggetto spaziale sono una su 1.600.000, un’eventualità molto remota se messa a confronto con le possibilità di morire in un incidente d’auto (una su 90) o in un incendio (una su 250), ma anche di perire a causa di un tornado (una su 60mila) o di un fulmine (una su 135mila). E’ più probabile vincere al superenalotto che venire colpiti e uccisi da un meteorite.

In un remoto passato, quando il sistema solare era più giovane e le probabilità di intersecare oggetti dispersi nello spazio più elevata, vi era un maggior numero di oggetti con massa sufficientemente elevata da arrivare a terra e generare un cratere da impatto analogo a quelli visibili negli altri corpi celesti. Con il progredire della tecnologia, anche in funzione di esplorazioni legate ad altri pianeti, si è potuto scoprire che i crateri da impatto terrestri, o quello che ne resta, sono più numerosi di quelli riconoscibili con la semplice osservazione visuale della morfologia della superficie terrestre..

Ecco quindi la mappa dei crateri sul nostro pianeta! 🙂

Fonte: passc.net

   

Condizioni per riprodurre la mappa

La mappa e i dati sono rilasciati con licenza CC BY SA
La mappa (sia nella versione pubblicata in questa pagina che nel navigatore full screen) può essere ripubbicata su carta o internet o in altro modo utilizzata, in tutto o in parte, anche senza il preventivo consenso di Nordai Srl, a condizione che sia citata la fonte attraverso la seguente dicitura, impressa in caratteri ben visibili: Realizzato da Nordai Srl sulla piattaforma GeoNue (oppure in inglese: Made with GeoNue By Nordai Srl) seguito dall'indirizzo web del nostro sito e dal nostro account twitter. Ove i materiali, dati o informazioni siano utilizzati in forma digitale, la citazione della fonte dovrà - oltre a contenere i riferimenti sopra indicati agli autori originari dei dati - essere effettuata in modo da consentire un collegamento ipertestuale (link) alla pagina https://www.geonue.com/la-mappa-dei-crateri-da-impatto-meteoritico In ogni caso, dell’avvenuta riproduzione, in forma analogica o digitale, dei materiali tratti da www.geonue.com dovrà essere data tempestiva comunicazione al seguente indirizzo (info@geonue.com), allegando, laddove possibile, copia elettronica dell’articolo in cui i materiali sono stati riprodotti ovvero il link alla pagina internet su cui sono stati ri-pubblicati.

Licenza Creative Commons